Il Delta dell’Okavango si trova in Botswana e copre una superficie di circa 15.000 kmq; a differenza di molti altri fiumi africani, l’Okavango non sfocia nell’oceano, ma in una grande pianura nel nord del paese.

Qui si apre a ventaglio, proprio come un delta, dando vita a uno dei luoghi più spettacolari del continente africano: acquitrini, piane alluvionali, isolotti di sabbia e isole più grandi con foreste di mopane e foreste di fiume, paludi permanenti e pozze stagionali.

Tutti questi differenti habitat ospitano diverse specie di animali, nel Delta dell’Okavango si trovano molte specie di mammiferi, di uccelli, di rettili, di anfibi, di pesci e di insetti; questa è una delle aree dell’intero Botswana dove si incontrano più specie animali in assoluto.

A causa della pendenza quasi inesistente del letto del fiume Okavango, la piena, dovuta alle piogge sull’altopiano angolano, impiega mesi a raggiungere il delta.

Nel mese di aprile la piena percorre lentamente il Panhandle per poi sfociare nel delta vero e proprio dal mese di giugno, durante la stagione secca; questo fa si che gli animali si radunino in quest’area alla ricerca di acqua e cibo, che scarseggiano altrove in questo periodo dell’anno; questa alta densità di animali rende i safari nel delta un’esperienza unica, tra le più emozionanti dell’intero continente africano.

Mentre, durante la stagione delle piogge, l’Okavango registra la portata minima e le fonti di acqua e cibo sono presenti un po’ ovunque sul territorio; gli animali quindi si disperdono, ma i safari nel Delta dell’Okavango rimangono qualcosa di meraviglioso anche in questo periodo.

E’ possibile suddividere il Delta dell’Okavango in tre parti: il Panhandle, la Riserva di Moremi e le Concessioni governative.

La Riserva di Moremi, che occupa circa un terzo della superficie del Delta dell’Okavango ed è l’unica area ufficialmente protetta; da quando è stata istituita, la sua superficie è stata progressivamente estesa fino a comprendere tutti gli habitat presenti nel delta, con il preciso scopo di proteggerli al meglio.

La Riserva di Moremi è costituita da due aree emerse: la Mopane Tongue e la Chief Island, entrambe sono circondate da acquitrini, paludi e canali d’acqua, ma la Mopane Tongue è collegata alla terra ferma, questo la rende raggiungibile anche in fuoristrada e in self-drive, mentre la Chief Island è raggiungibile solamente con piccoli aerei.

Nella Moremi sono presenti alcuni campi tendati e alcuni camping, questi ultimi solamente sulla Mopane Tongue; qui è possibile effettuare safari diurni in fuoristrada, safari in barca a motore e in mokoro.

E’ bene scegliere attentamente i campi tendati dove alloggiare in base alle attività che si desidera svolgere; i campi che si trovano nelle zone più asciutte sono quelli che solitamente organizzano prevalentemente safari in fuoristrada, mentre quelli che si trovano in prossimità delle zone più umide organizzano soprattutto safari in barca e in mokoro, alcuni di quest’ultimi organizzano anche safari in fuoristrada, ma, spesso, meno entusiasmanti rispetto ai campi tendati che si trovano nelle aree asciutte.

I campi presenti nella Riserva di Moremi e nelle concessioni governative del Delta dell’Okavango sono raggiungibili in aereo da Maun, da Kasane o da Gaborone.