La Tanzania è uno stato dell’Africa Orientale, si trova a sud dell’Equatore ed è famoso nel mondo per i suoi incredibili scenari naturali e per l’elevata concentrazione di animali nei numerosi parchi nazionali e riserve.
 
La Tanzania o meglio, la Repubblica Unita di Tanzania, nasce e deve il suo nome alla fusione del Tanganika e di Zanzibar, a seguito dell’indipendenza ottenuta dalla Gran Bretagna.
 
Il paese confina ad est con l’Oceano Indiano con le sue splendide spiagge bianche, a sud con il Malawi, il Mozambico e lo Zambia, a ovest con il Burundi, il Rwanda e la Repubblica Democratica del Congo, mentre a nord con l’Uganda e il Kenya con i quali costituisce la East African Community, una comunità economica volta ad aiutare e supportare la crescita economica degli stati aderenti.
 
Il Monte Kilimanjaro, il picco più alto in Africa e montagna solitaria più alta del mondo, si trova sul territorio della Tanzania che, nella parte settentrionale,è prevalentemente montuosa; qui infatti, oltre al Kilimanjaro si trovano anche il Monte Meru, il Cratere di Ngorongoro e le Pare Mountains.
 
L’elemento più caratterizzante della morfologia del territorio tanzaniano è costituito dalla Great Rift Valley che attraversa tutto il paese da nord a sud, a seguire i grandi laghi che ne delimitano il territorio.
 
Tre dei più grandi laghi del continente si trovano infatti in Tanzania anche se condivisi con altri paesi confinanti: il Lago Vittoria, il secondo più grande lago d'acqua dolce del mondo è posizionato al confine con Uganda e Kenya a nel nord; il lago Tanganica a ovest è lago più profondo del continente e il secondo al mondo e segna il confine con la Repubblica Democratica del Congo; infine il Lago Malawi nel sud-ovest del paese al confine con l’omonimo stato.
 
La popolazione della Tanzania è costituita da numerosi gruppi etnici, sono presenti sul territorio oltre 120 etnie, sia di origine bantu sia di origine nilotica come ad esempio i Masai.
 
La Tanzania inoltre è lo stato dell’Africa Orientale con la popolazione più numerosa ma con la più bassa densità; quasi un terzo degli abitanti vive in aree urbane e circa i due terzi della popolazione si trova sotto la soglia dei 25 anni.
 
Le città dove si concentra la popolazione sono Dar Es Salaam che si affaccia sull’Oceano Indiano e che rappresentava la capitale fino al 1973 quando venne deciso di trasferire le funzioni politiche a Dodoma, città collocata al centro del paese che però ad oggi non ha assunto definitivamente il ruolo di capitale politica ed amministrativa dello stato, lasciando questo ruolo a Dar Es Salaam; mentre Arusha è la città principale per il turismo, tutti i safari partono da questa città collocata ai piedi del monte Meru.
 
La presenza dei colonizzatori, sia europei che arabi, ha avuto un’importante influenza sulle religioni presenti sul territorio attualmente: il 35% della popolazione è cristiana, un ulteriore 35% è mussulmana ed è concentrata soprattutto a Zanzibar e sulla costa, mentre il restante 30% della popolazione pratica ancora le religioni tradizionali.
 
Economicamente la Tanzania è ancora largamente legata all’agricoltura che da lavoro al’80% della popolazione, il Paese è però ricco di risorse naturali come l’oro e di favolosi parchi nazionali che attirano ogni anno centinaia di migliaia di turisti, queste voci incidono sempre di più sul bilancio dello Stato.

Articoli principali

tanzania olduvai gorge serengeti exploringafrica africa

Olduvai gorge - Photo Credits: Clive Moss

La Gola di Olduvai
arusha tanzania romina facchi africa exploringafrica

Arusha - Photo Credits: Romina Facchi

La città di Arusha
lake natron tanzania giraffes safariadv exploringafrica rominafacchi

Lake Natron: Giraffes - Photo Credits: Romina Facchi

Cosa vedere in Tanzania
F.C.Selous with the Bulawayo Field Force Troops tanzania africa exploringafrica

Selous with the Bulawayo Field Force Troops

La storia della Tanzania