Messaggio di errore

  • Warning: include_once() [function.include-once]: Unable to allocate memory for pool. in drupal_settings_initialize() (line 747 of /home/a41t7e0n/exploring-africa.com/includes/bootstrap.inc).
  • Warning: require_once() [function.require-once]: Unable to allocate memory for pool. in _drupal_bootstrap_configuration() (line 2637 of /home/a41t7e0n/exploring-africa.com/includes/bootstrap.inc).
  • Warning: require_once() [function.require-once]: Unable to allocate memory for pool. in _drupal_bootstrap_page_cache() (line 2649 of /home/a41t7e0n/exploring-africa.com/includes/bootstrap.inc).
I Datoga sono animisti, praticano la divinazione e la stregoneria, inoltre praticano il culto degli antenati.
 
La divinità suprema in cui credono è Aseeta, una divinità potente e buona con un immenso potenziale creativo che comunica con gli esseri terreni grazie alla mediazione degli spiriti ancestrali i “Meanga”.
 
Gli spiriti ancestrali comunicano con gli indovini e possono benedire o punire la popolazione; durante i riti con cui gli indovini si mettono in contatto con gli spiriti, i Datoga bevono una specie di birra al miele.
 
Questa bevanda sacra è utilizzata anche durante i funerali, i Datoga hanno un notevole rispetto verso la morte e credono che i morti diventino spiriti guardiani.
 
Nonostante l’importanza rivestita dagli antenati, i Datoga temono i cadaveri e coloro che vengono a contatto con un morto o con un aborto spontaneo, questi individui vengono isolati per un certo periodo di tempo.
 
Questa sorta di quarantena prende il nome di “Metida”, questo rito implica l’isolamento di persone, animali e parti di terreno che, in quanto fertili, vanno preservati da elementi considerati “sporchi” e con influenze negative come, ad esempio, la morte.
 
I riti legati al Metida sono prevalentemente legati alla morte, in special modo la morte dei dei bambini, evento che, a detta dei Datoga, irrita profondamente gli spiriti, che potrebbero colpire e punire con la malattia e la morte altre persone della tribù.
 
Questi riti vengono praticati poiché necessari per placare le ire delle divinità; consistono in preghiere, nella produzione di birra, che viene consumata e cosparsa sul corpo di chi viene colpito dal lutto, e a volte con l’aiuto di un “guaritore” e di un gruppo di donne che ballano e cantano diffondendo le preghiere.
 
A volte le pratiche di Metida sono utilizzate anche come protezione per un futuro parto, in questo caso la futura madre e il suo bambino vivono rinchiusi in una stanza per quattro mesi durante i quali nessuno può entrare tranne l’allevatrice e i parenti più stretti per lavare la madre e cucinare, tutto questo per prevenire i rischi di una possibile distruzione della fecondità.
 
Alcune pratiche rituali riconducibili al Metida sono: appendere pezzi di pelle di animale ai rami degli alberi, spalmare grumi di sterco di vacca e burro a terra, uomini e cani che mangiano insieme, uomini che spazzano la strada di fronte a una folla di giovani e, infine, forme di restrizione e isolamento, oltre che di persone, di animali o di parti di terreno.
 
I Datoga ritengono che praticando i riti Metida, di protezione o di isolamento, in particolari momenti della loro vita, sia possibile sventare minacce di sventura e morte.
 
Negli ultimi anni il crescente numero di cristiani tra i Datoga e le influenze di altre etnie ha ridotto notevolmente l’uso di pratiche Metida, che comunque continuano a esistere presso alcuni gruppi più isolati.
 

La vita, la tradizione e la cultura del popolo Datoga

  • L'abbigliamento e le pratiche del body modification dei Datoga
  • La storia del popolo Datoga
  • L’organizzazione sociale e i villaggi dei Datoga
  • I riti e le cerimonie dei Datoga
  • L'allevamento e il bestiame nella tradizione dei Datoga
Photo Credits: UGA College of Ag & Environmental Sciences - OCCS